eBook

I Lavori in Appalto

Edizione gennaio 2011

Natura del contratto, Responsabilità dei contraenti e Sicurezza dei lavoratore

prezzo 10,00

autore Ida Barillari ed Elena Bonafè

caratteristiche e-book, 62 pagine

edizione gennaio 2011 - ISBN 978-88-7577-163-8

collana Guide Pratiche e Prontuari - Vademecum

I Lavori in Appalto

L’appalto è uno dei contratti più utilizzati nelle realtà aziendali, poiché è lo strumento cui si possono ricondurre una moltitudine di rapporti contrattuali instaurati per rispondere alle più svariate esigenze qualora si tratti di ottenere un risultato, sia esso un’opera od un servizio.

Inoltre, lo schema del contratto d’appalto supplisce alle esigenze di organizzazione e produzione aziendale. Esso, infatti, può essere utilizzato in diversi ambiti: affidando ad aziende esterne, con gestione a proprio rischio, la realizzazione di una porzione di una commessa; oppure rivolgendosi ad aziende terze per gli interventi di manutenzione sulle macchine utensili o sugli impianti aziendali; o ancora nella gestione di attività accessorie a quella principale, ma necessarie all’azienda (ad es. per la pulizia dei locali aziendali, gestione della rete informatica dell’azienda, ecc.).

Tuttavia il Legislatore ha sempre guardato al contratto di appalto con sfavore perché, realizzando il decentramento dei fattori produttivi, veniva e, in parte, viene tutt’ora considerato un veicolo tramite il quale realizzare forme di riduzione delle tutele dei lavoratori.

Per tale motivo il Legislatore emanò nel 1960 la legge n. 1369, una norma talmente rigorosa da considerare come fraudolenta la realizzazione stessa del fenomeno interpositorio, che era comunque illecito, anche quando non si fosse concretizzato in una elusione degli obblighi retributivi e contributivi.

Questa rigidità venne in parte derogata con la legge n. 196 del 1997 che introdusse il c.d. lavoro interinale, cioè la possibilità, in particolari condizioni, di stipulare contratti aventi ad oggetto mere prestazioni di lavoro temporaneo.

Tale impianto normativo rimase in essere fino al 2003 quando, con l’emanazione della legge Biagi, la legge n. 1369/1960 venne abrogata.In virtù di questa innovazione non si può dire che sia scomparso il divieto di interposizione di manodopera, ma esso è indubbiamente meno stringente.

L’intento di questa guida è quella di fornire alle aziende uno strumento per conoscere gli adempimenti in capo al committente, appaltatore e subappaltatore e le conseguenze in caso di mancata osservanza di tali adempimenti.

 

>> Visualizza sommario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Scarica la nostra APP su: