safetysnack

POS,PSC, PSS e FO

Adottati i modelli semplificati per la redazione della documentazione progettuale di sicurezza per l’edilizia

15 settembre 2014

 

Il legislatore con il Decreto Interministeriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero della salute del 9 settembre 2014 (avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, serie Generale, n. 212 del 12 settembre 2014) ha emanato i modelli semplificati per la redazione della documentazione progettuale di sicurezza per l’edilizia:

  1. Piani di Sicurezza e Coordinamento;
  2. Piani Operativi di Sicurezza;
  3. Piani Sostitutivi dei Piani di Sicurezza e Coordinamento;
  4.  Fascicolo dell’Opera.

Rendere più semplice la realizzazione e la comprensione dei documenti da sempre è un obiettivo dichiarato del tecnico. 

La semplificazione dei documenti era prevista da ben due testi legislativi: l’art. 104-bis del D. Lgs. 81/2008 (Testo unico sicurezza) e dall’art. 131, comma 2-bis del Decreto Legge 69/2013 (Codice dei contratti pubblici).

Semplificare però non è sinonimo di buon lavoro. Il modello semplificato aiuta il tecnico nel suo lavoro: lo standard evita molti degli errori e/o delle interpretazioni personali da parte di chi scrive ed anche di chi legge. Il tecnico però nel redigere il documento progettuale deve comunque, e in ogni caso, rispettare le indicazioni e le prescrizioni in merito previste dal testo legislativo di riferimento. Il redattore del documento ha come responsabilità quella di fare bene il proprio lavoro, e quindi deve sempre realizzare un lavoro efficace, nel caso specifico un documento progettuale leggibile e completo.  

Testo del Decreto Interministeriale 9 settembre 2014 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Scarica la nostra APP su: