Salute e sicurezza nella strutture sanitarie

Safetysnack

Salute e sicurezza nella strutture sanitarie

Ecco la sintesi delle novità su prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore sanitario

4 aprile 2014

Con il d.lgs. n. 19 del 24 febbraio 2014, il legislatore da attuazione all'accordo quadro, concluso da HOSPEEM e FSESP, in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario inserendo all’interno del d.lgs. n. 81/2008 un nuovo titolo, il X-bis. 

Tale titolo, che consta di sei articoli: da 286-bis a 286-spties, presenta un campo di applicazione oggettivamente limitato ai “luoghi di lavoro interessati da attività sanitarie”, ossia “strutture o servizi sanitari del settore pubblico e privato in cui si svolgono attività e servizi sanitari sottoposti alla responsabilità organizzativa e decisionale del datore di lavoro”, ma soggettivamente assai ampio ricomprendendo tutti i lavoratori che operano alle dipendenze (in senso ampio, per così dire, antinfortunistico) di un datore di lavoro, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, compresi i tirocinanti, gli apprendisti, i lavoratori a tempo determinato, i lavoratori somministrati, gli studenti che seguono corsi di formazione sanitaria ed i sub-fornitori.

Di sicuro interesse, anche in considerazione della novità del suo inserimento nel campo di applicazione del titolo, è la determinazione di chi si debba intendere per  sub-fornitori. Avrebbe dovuto soccorrere, per poter rispondere alla domanda di cui sopra, la definizione contenuta nella lett. d) dell’art.286-ter, ma, purtroppo, essa risulta troppo ampia e atecnica per un inquadramento inequivocabilmente certo. Infatti per subfornitori il legislatore del titolo X-bis intende: “ogni persona che operi in attività e  servizi direttamente legati all'assistenza ospedaliera e sanitaria nel quadro di rapporti contrattuali di lavoro con il datore di lavoro”.

Trattasi con tutta evidenza, di definizione solo limitatamente riconducibile, ma certamente riconducibile, a quella del contratto di subfornitura di cui all’art. 1 della l. n. 192/1998, nella parte in cui si afferma che “Con il contratto di subfornitura un imprenditore…si impegna a fornire all'impresa…servizi destinati ad essere incorporati o comunque ad essere utilizzati nell'ambito dell'attività economica del committente…; ma allo stesso modo riconducibile ad altre forme di integrazione funzionale tra imprese, come, ad esempio, la somministrazione di servizi, l’appalto, il contratto d’opera, l’associazione in partecipazione, ma anche il volontariato delle associazioni non profit, delle cooperative sociali o delle associazioni di promozione sociale.

E pare proprio doversi intendere in questo senso l’ampia portata della definizione di subfornitore, ossia di persona che opera in attività e servizi di assistenza ospedaliera e sanitaria, all’interno di organizzazioni che si integrano funzionalmente con il datore di lavoro destinatario della prestazione che espone l’operatore al rischio normato in questo titolo.

Fra le misure generali di tutela finalizzate a garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori esposti ai dispositivi medici taglienti per prevenire le ferite e la trasmissione di infezioni nel quadro delle prestazioni di servizi e dello svolgimento delle attività direttamente connesse all’assistenza ospedaliera e sanitaria ma anche durante le fasi di raccolto smaltimento definitivo dei dispositivi stessi, si segnala quella di cui alla lett. b) dell’art. 286-quater, in forza della quale il datore deve provvedere “ad adottare misure idonee ad eliminare o contenere al  massimo il  rischio  di   ferite   ed   infezioni   sul   lavoro   attraverso l'elaborazione di una politica globale di prevenzione che tenga conto delle  tecnologie  più   avanzate,   dell'organizzazione   e   delle condizioni di lavoro, dei fattori psicosociali  legati  all'esercizio della  professione  e  dell'influenza   esercitata   sui   lavoratori dall'ambiente di lavoro”.

Trattasi del primo, ancorché non penalmente sanzionato in modo diretto, riferimento normativo esplicito all’obbligo di adottare la tecnologia più avanzata come misura di salute e sicurezza (nel caso di specie contro il rischio di ferite ed infezioni sul lavoro), unitamente all’organizzazione del lavoro e dei fattori psicosociali legati all’esercizio della professione.

Molto interessante è anche la misura generale di sicurezza di cui alla lett. d) dello stesso articolo, che impone al datore di “non supporre mai inesistente un rischio…” e ciò al di là dell’esposizione del lavoratore al pericolo normato o evidenziato a livello scientifico esperienziale!

Secondo l’art. 286-quinquies, dedicato alla valutazione dello specifico rischio espositivo a  malattie  che possono essere contratte in relazione alle modalità  lavorative,  in maniera da coprire tutte le  situazioni  di  rischio  che  comportano ferite e contatto con sangue o altro potenziale veicolo di infezione, “il datore deve individuare  le  necessarie misure tecniche, organizzative e  procedurali  riguardanti le   condizioni   lavorative,   il   livello   delle   qualificazioni professionali, i fattori psicosociali legati al lavoro e  l'influenza dei fattori connessi  con  l'ambiente  di  lavoro,  per  eliminare  o diminuire i rischi professionali valutati”.

A seguito della valutazione che evidenzi rischi di ferite da taglio o da punta, il legislatore all’art. 286-sexies, il datore dovrà rispettare misure di prevenzione specifica fra la quale segnaliamo: lett. a), definizione  e  attuazione  di  procedure  di  utilizzo  e  di eliminazione in  sicurezza  di  dispositivi  medici  taglienti  e  di rifiuti contaminati con  sangue  e  materiali  biologici  a  rischio, garantendo l'installazione di  contenitori  debitamente  segnalati  e tecnicamente  sicuri  per  la  manipolazione  e  lo  smaltimento   di dispositivi medici taglienti e di materiale da iniezione usa e getta, posti quanto più vicino possibile alle zone in cui sono utilizzati o depositati oggetti taglienti o acuminati; le procedure devono  essere periodicamente sottoposte a  processo  di  valutazione  per  testarne l'efficacia  e  costituiscono  parte  integrante  dei  programmi   di informazione e formazione dei lavoratori; b) eliminazione dell'uso di oggetti taglienti o acuminati  quando tale utilizzo non sia strettamente necessario”; altra misura importante è anche la previsione del divieto immediato della pratica del reincappucciamento manuale degli aghi, nonché l’imposizione della sorveglianza sanitaria.

Interessante è anche la declinazione degli specifici interventi informativi e formativi, da considerarsi ulteriori ed aggiuntivi rispetto a quelli generali di cui agli artt. 36 e 37, ampiamente analizzati in precedenza.

Per quel che riguarda la formazione il legislatore del 2014 sancisce che essa dovrà avvenire in ordine a: 

  1. uso corretto  di  dispositivi  medici  taglienti  dotati  di meccanismi di protezione e sicurezza; 
  2. procedure da attuare per la  notifica,  la  risposta  ed  il monitoraggio post-esposizione; 
  3. profilassi da attuare in caso di  ferite  o  punture,  sulla base della valutazione della capacità di infettare  della  fonte  di rischio.

Per quel che riguarda l’informazione, invece, si procederà con “specifiche   attività  di sensibilizzazione,  anche  in  collaborazione  con  le   associazioni sindacali di categoria o con i rappresentanti dei lavoratori  per  la sicurezza,  attraverso  la  diffusione  di   materiale   promozionale riguardante: programmi di sostegno da porre in essere  a  seguito  di infortuni, differenti rischi associati all'esposizione al  sangue  ed ai liquidi organici e  derivanti  dall'utilizzazione  di  dispositivi medici taglienti o acuminati, norme di precauzione  da  adottare  per lavorare in condizioni di sicurezza,  corrette  procedure  di  uso  e smaltimento dei dispositivi medici utilizzati, importanza, in caso di infortunio,  della  segnalazione   da   parte   del   lavoratore   di informazioni pertinenti a completare nel dettaglio  le  modalità  di accadimento, importanza dell'immunizzazione, vantaggi e inconvenienti della vaccinazione o della mancata vaccinazione, sia essa  preventiva o in caso di esposizione ad agenti biologici  per  i  quali  esistono vaccini efficaci; tali vaccini devono essere dispensati gratuitamente a tutti  i  lavoratori  ed  agli  studenti  che  prestano  assistenza sanitaria ed attività ad essa correlate nel luogo di lavoro”.

Si segnala, inoltre, la previsione di redigere ed adottare specifiche procedure di intervento da adottarsi in caso di ferimento del lavoratore; una sorta di integrazione della pianificazione del primo soccorso, finalizzata a:

  1. prestare cure immediate al  ferito,  inclusa  la  profilassi post-esposizione e  gli  esami  medici  necessari  e,  se  del  caso, l'assistenza psicologica;
  2. assicurare la corretta notifica e il successivo monitoraggio per l'individuazione di adeguate misure di  prevenzione, da attuare attraverso la registrazione e l'analisi delle cause, delle  modalità le circostanze  che  hanno  comportato il verificarsi di infortuni derivanti da punture o ferite e i successivi esiti, garantendo la riservatezza per il lavoratore.

Il titolo X-bis contiene anche, all’art. 286-septies, un apparato sanzionatorio specifico:

il datore “è punito con l'arresto da tre a sei mesi o con l'ammenda da 2.740  euro  a  7.014,40 euro per la violazione dell'articolo 286-quinquies”, ossia della valutazione dei rischi; datore e dirigente rispondono, invece, per  la violazione dell'articolo 286-sexies, ossia delle specifiche misure di prevenzione dianzi analizzate, con la pena alternativa dell’arresto da tre a sei mesi o con l'ammenda da 2.740 euro a 7.014,40 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Scarica la nostra APP su: