Libro

Il "Testo Unico" Ambientale e norme compl.

Edizione XI^ aggiornata ad dicembre 2016

Decreto legislativo 3 aprile 2006, n 152. Commento breve in schede di sintesi. Raccolta delle norme d'uso corrente 

prezzo 49,00

autore Luca Passadore ed altri

caratteristiche formato 15.8 x 21,5 cm, 960 pagine

edizione Edizione XI^- ISBN978-88-7577-209-3

collana Manuali - Explicatio iuris

Il "Testo Unico" Ambientale e norme compl.

Libro
Edizione rilegata in brossura morbida. 

Contenuti 
Il “Testo Unico”, d.lgs. n.152/2006, corredato da una raccolta sistematica annotata della normativa statale di utilizzo corrente per enti, imprese e professionisti, e da schede di sintesi dei principali contenuti.

Destinatari
La pubblicazione adotta una struttura ed un linguaggio pensato per enti, imprese e professionisti che si muovono nel complesso mondo della tutela ambientale: rappresenta uno strumento indispensabile per gli operatori pubblici del settore, per i funzionari e i tecnici delle amministrazioni pubbliche. Le sue indicazioni risultano poi fondamentali per consulenti e responsabili aziendali della funzione di tutela ambientale. Di grande utilità anche per le associazioni di categoria e le loro società di servizio, in ordine alle costanti attività formative in materia. Consulenti ambientali, geometri, architetti, ingegneri, avvocati e qualsiasi altra autorità con funzione di controllo in tema di ambientale possono, infine, trovare una forte utilità pratica dalla costante consultazione di tale guida pratica.

Con il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, cosiddetto “Testo Unico Ambientale”, emanato in esecuzione della delega di cui alla legge 15 dicembre 2004, n. 308, è stata rivista e complessivamente riorganizzata praticamente tutta la normativa nazionale di base per la tutela dell’ambiente dalle principali forme di inquinamento.

Il decreto legislativo n. 152/2006 è suddiviso in 8 “Parti” che, dopo la Prima relativa ai principi generali, raggruppano nelle seguenti una consistente pluralità di testi normativi previgenti, anche completando l’attuazione delle direttive comunitarie nelle varie materie:

  • VAS, VIA e AIA (IPPC) (Parte Seconda);
  • difesa del suolo, tutela e gestione delle acque (Parte Terza);
  • rifiuti e bonifiche (Parte Quarta);
  • tutela dell’aria (Parte Quinta);
  • disposizioni per particolari installazioni (Parte Quinta-bis);
  • danno ambientale (Parte Sesta);
  • disciplina sanzionatoria degli illeciti amministrativi e penali in materia di tutela ambientale (Parte Sesta-bis).

Il d.lgs. n. 152/2006

  • è stato pubblicato sul suppl. ord. alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile 2006, n. 88, ed
  • è entrato in vigore il successivo 29 aprile, salvo che per la Parte Seconda, la cui entrata in vigore è stata procrastinata al 31 luglio 2007;
  • è stato poi oggetto di vari interventi di modifica, in particolare:

relativamente alle Parti Terza e Quarta, dal decreto legislativo 8 novembre 2006, n. 284 «Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale» pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 24 novembre 2006, n. 274; 

relativamente alle Parti Prima, Seconda, Terza e Quarta, dal decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 «Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale» pubblicato sul suppl. ord. alla Gazzetta Ufficiale 29 gennaio 2008, n. 24; 

relativamente alle Parti Seconda, Quarta e Quinta, dal decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 «Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a norma dell’articolo 12 della legge 18 giugno 2009, n. 69» pubblicato sul suppl. ord. alla Gazzetta Ufficiale 11 agosto 2010, n. 186;

relativamente alla Parte Quarta, dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 «Disposizioni di attuazione della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive» pubblicato sul suppl. ord. alla Gazzetta Ufficiale 10 dicembre 2012, n. 288.

Nel corso degli ultimi anni sono inoltre intervenute ulteriori modifiche, in particolare si segnalano quelle apportate dai seguenti provvedimenti:

  • decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 46 «Attuazione della direttiva 2010/75/UE relativa alle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento)» (pubblicato sul suppl. ord. alla Gazzetta Ufficiale 27 marzo 2014, n. 72).
  • decreto legge 24 giugno 2014, n. 91 convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 116 recante «Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica universitaria, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche, nonché per la definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea» (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 20 agosto 2014, n. 192);
  • decreto legislativo 16 luglio 2014, n. 112 recante «Attuazione della direttiva 2012/33/UE che modifica la direttiva 1999/32/CE relativa al tenore di zolfo dei combustibili per uso marino» (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 12 agosto 2014, n. 186); 
  • dal decreto legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164 recante «Misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l’emergenza del dissesto idrogeologico e per la ripresa delle attività produttive» (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 11 novembre 2014, n. 262); 
  • dalla legge 22 maggio 2015, n. 68 recante «Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente» (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2015, n. 122);
  • dalla legge 28 dicembre 2015, n. 221 recante «Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali» (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2016, n. 13).

Per agevolare la rapida individuazione delle novità introdotte nel corso del 2016 sono state evidenziate in grassetto le sostituzioni e/o integrazioni apportate, mentre tra parentesi quadra [in corsivo] sono evidenziate le parti ora abrogate.

L’edizione inoltre è stata arricchita da una raccolta ragionata della normativa statale di utilizzo corrente per enti, imprese e professionisti nei seguenti temi:

  • Norme correttive ed integrative
  • Norme generali e di organizzazione
  • Valutazione Impatto Ambientale e Autorizzazione Integrata Ambientale
  • Qualità dell’aria
  • Qualità delle acque
  • Rifiuti e “non rifiuti”
  • Sistema sanzionatorio

Visualizza sommario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Scarica la nostra APP su: